Sleepless in Seattle 1


Care amiche e cari amici della Chiesa Valdese di Palermo, eccomi finalmente qui per raccontarvi la mia esperienza negli Stati Uniti. È la prima volta che uso questo programma e, se ho capito come si fa, sarò più assiduo. Cosa sto facendo negli USA? Si chiama EFFEE (Esperienza di formazione e fraternità ecumenica all’estero… questo acronimo mi è particolarmente ostico!) ed è un progetto dell’American Waldensian Society (ah, controllate il sito e vedrete, con un certo orgoglio, che hanno scelto la facciata della chiesa valdese di Palermo per la testata). Potete leggere l’articolo che la coordinatrice del progetto, Dorothee Mack, pastora della chiesa metodista di Milano, ha scritto per il nostro giornale Riforma.

In particolare, mi trovo a Seattle, la più grande città della Costa nord-occidentale, famosa ai più per la serie tv Grey’s Anatomy e ai cinefili più romantici per il film Insonnia d’amore (pessima traduzione di “Sleepless in Seattle”, ovvero “Insonne a Seattle”). In queste prime settimane mi viene in mente proprio questo titolo, perché ho avuto una certa difficoltà ad adattarmi alla differenza di fuso orario: ben 9 ore in meno rispetto a Palermo. E ora che mi sono adattato, ho comunque un po’ la testa a Palermo, alla famiglia e alla chiesa e se voglio comunicare con chiunque in Italia, be’, devo togliermi un po’ di sonno. L’altra notte verso le 2 ero su Skype con la redazione di Riforma (a Torino erano le comodissime 11 del mattino) e la mattina alle 9 (ore 18 a Palermo) posso cominciare ad augurare una buona cena e una buona notte ai miei figli.

Sono stato assegnato a quattro chiese, una presbiteriana e le altre tre della UCC. Due di queste si trovano nel quartiere di Madrona, a, stessa distanza dal centro, ma direzione diametralmente opposta. A turno sono ospitato da fratelli e sorelle di chiesa, che mai avevano visto un pastore della chiesa valdese in Italia prima d’ora. Queste sono le chiese: Madrona Grace Presbyterian Church, Alki UCC, Admiral Congregational UCC e Liberation UCC. Nei post dei prossimi giorni e settimane vi parlerò anche di loro.

Mi raccomando, senza bisogno di rimanere “Sleepless in Palermo”, ogni tanto pensatemi e ricordatemi nelle vostre preghiere.

Nella foto: Panorama del centro di Seattle (con Space Needle, Downtown e porto) da West Seattle

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Sleepless in Seattle